AGIA BASILICATA: BANCA DELLA TERRA PDF Stampa E-mail
Scritto da carbone   
Venerdì 14 Settembre 2012 09:54

A.G.I.A. BASILICATA: BANCA DELLA TERRA

leggi

 
8 MARZO: CIA, DUE GENERAZIONI DI DONNE PER “SEMINARE UN FUTURO DI CURA E DI RISPETTO” PDF Stampa E-mail
Scritto da carbone   
Venerdì 09 Marzo 2018 02:28

Giovedì, 8 marzo 2018

L’8 marzo delle donne della Cia-Agricoltori Basilicata ha due testimonial-simbolo: Ida Curcio, 27 anni, titolare azienda agricola “Natura e Essenze”, attiva dal 2016 con sede a Paterno e produce ortofrutta ed erbe officinali quali salvia, menta ,rosmarino e lavanda; Concetta Larocca, un’altra generazione, titolare di azienda con sede a Colobraro ,produzioni ecosostenibili e riconosciuta Agricoltrice Custode negli itinerari della biodiveristà agricola ed alimentare della regione.

Due generazioni di imprenditrici agricole che in occasione dell’8 marzo hanno invitato tutti a recarsi nei tanti vivai sparsi in Italia per acquistare e regalare piante e semi: azalee, begonie, primule, narcisi e rose, ma anche piante officinali e piante alimentari. Un’azione “verde” per sensibilizzare i cittadini sul valore di agricoltura e ambiente e sulla straordinaria biodiversità dell’Italia, ma anche un gesto simbolico per celebrare le fonti di ogni vita.

Il suolo, i semi, le piante -secondo le associazioni Cia, Donne in Campo, Agia e Anp - rappresentano il primo anello della catena alimentare e sono il simbolo della sostenibilità ambientale. Difenderli e curarli è il compito di tutti, a partire dal mondo agricolo che ogni giorno contribuisce a garantire la sicurezza alimentare valorizzando la biodiversità. Il rispetto della natura è un passo fondamentale per contrastare la cultura della sopraffazione che causa la violenza contro donne e anziani. Per imparare a rispettare e a valorizzare la diversità e la biodiversità, quale migliore esercizio che accudire e crescere una nuova vita vegetale.

Il connubio straordinario tra donne e agricoltura – sottolinea una nota - passa attraverso l’amore per la terra, l’attenzione alla salubrità dei prodotti e ai processi produttivi, nell’impegno a tramandare le culture locali alle nuove generazioni e nell'innovazione, caratteristica determinante dell'imprenditoria femminile. Un impegno – si aggiunge - che permette alle agricoltrici di "ricucire" lo strappo tra tradizione e innovazione ricongiungendo passato, presente e futuro in un "continuum" che ridisegna un sentiero comune per tutta la collettività.

Le donne sono impegnate nella valorizzazione di tutti i metodi di produzione agricola ecocompatibili con particolare attenzione alla salvaguardia della stabilità e alla fertilità dei suoli. Allo stesso tempo vogliono introdurre con la ricerca innovazioni culturali, di processo, di prodotto e di diversificazione delle attività aziendali a integrazione del reddito. Sono impegnate a trasmettere alle nuove generazioni i valori dell’agricoltura con le fattorie didattiche, ad offrire le loro aziende per l’accoglienza degli anziani, dei disabili e degli emarginati, delle donne in difficoltà a difendere l’agricoltura di montagna.

 
ESENZIONE IMU PER AGRICOLTORI PENSIONATI: ANP-CIA, UNA NOSTRA VITTORIA PDF Stampa E-mail
Scritto da carbone   
Venerdì 02 Marzo 2018 18:26

Venerdì, 2 marzo 2018

La risoluzione del Dipartimento Finanze del Ministero dell’Economia chiarisce che l’esenzione dal pagamento dell’Imu sui terreni agricoli a favore dei coltivatori diretti (CD) e imprenditori agricoli professionali (IAP) riguarda anche i CD e gli IAP pensionati iscritti alle relative gestioni previdenziali, che continuano a condurre i propri terreni. Il dubbio era nato relativamente a una presunta incompatibilità tra il fatto di godere del trattamento pensionistico e l'agevolazione IMU. Finalmente –a ffermano Cia e Anp Basilicata- si pone rimedio a un’ingiustizia che abbiamo sempre denunciato. Nel 2017 abbiamo portato avanti questa istanza con iniziative su tutto il territorio nazionale, sensibilizzando le Istituzioni preposte. Questa risoluzione, continuano Cia-Agricoltori Italiani e Anp-Associazione nazionale pensionati, la consideriamo una nostra vittoria.

Ma il provvedimento – commenta Mimmo Guaragna, presidente regionale Anp-Cia – è solo un primo passo verso il riconoscimento pieno del valore sociale dell'agricoltore pensionato. Nelle aree rurali gli effetti della crisi sono amplificati, soprattutto per gli “over 65”, perché agli assegni pensionistici mediamente più bassi si unisce la carenza a volte strutturale dei servizi socio-assistenziali aggravata dai continui tagli alla sanità e in particolare al Fondo per la non autosufficienza. Lo scenario delle condizioni di vita degli anziani che vivono nei comuni agricoli è segnato dalla perdita incessante di abitanti e non si prevede una inversione di tendenza. La crisi demografica fa aumentare la percentuale delle persone anziane.

«Per questo il tema dell’affiancamento per il ricambio generazionale in agricoltura – sottolinea Guaragna - si fonda sul ruolo dell’anziano che aiuta, collabora, sostiene, insegna, forse anche rimprovera, ma comunque favorisce l’inserimento del giovane agricoltore. Se questo ruolo è considerato, anche dalla legge, un valore, ciò deve valere anche per il resto delle funzioni svolte anche quando queste non sono più propriamente produttive. Comunque, anche qui intendiamo ribadire il nostro impegno all’attuazione della legge, proposta insieme ad Agia, che prevede appunto l’affiancamento per favorire il ricambio generazionale nelle aziende agricole».

E sul ruolo degli anziani? «Se come da più parti si sostiene – ha proseguito Guaragna -, gli anziani sono una risorsa sociale e culturale, è necessario che la società si organizzi e sia coerente, che metta nelle condizioni le persone anziane di esprimere tutte le potenzialità e la ricchezza sociale e culturale di cui sono portatrici. Per noi questo è un argomento sensibile, per il quale da anni ormai rivolgiamo il nostro impegno, in particolare per valorizzare la memoria e i valori della cultura contadina da trasferire alle nuove generazioni di agricoltori e di cittadini».

Ancora è importante che nei nostri comuni rurali e nei quartieri e nelle frazioni delle nostre cittadine gli anziani abbiano i loro luoghi autogestiti dove incontrarsi e socializzare.

Per questo stiamo lavorando alla creazione dei Centri di Aggregazione Intergenerazionali, affinché si realizzi un dialogo con tutti, soprattutto con i giovani a cui chiediamo di ritrovare e di ripensare le proprie radici.

E’ inoltre compito dell’ANP rivitalizzare la Consulta Regionale per l’Anziano. La nostra presenza ed il nostro attivismo in questo organismo sarà molto più efficace se la Consulta raccoglierà i suggerimenti che verranno dai territori.

Ultimo aggiornamento Venerdì 02 Marzo 2018 18:28
 
AGRO-ALIMENTARE: SOSTEGNO ALLA LEGGE REGIONALE 12/2012 PDF Stampa E-mail
Scritto da carbone   
Martedì 11 Settembre 2012 08:51

allegato

Ultimo aggiornamento Martedì 11 Settembre 2012 08:59
 
Fitofarmaci: in arrivo le nuove norme PDF Stampa E-mail
Scritto da carbone   
Venerdì 07 Settembre 2012 15:41

E’ stato pubblicato, nel supplemento alla Gazzetta Ufficiale del 30 agosto u.s., il decreto legislativo n. 150 del 14 agosto 2012, in attuazione della direttiva 2009/128/CE che istituisce un quadro per l’azione comunitaria ai fini dell’utilizzo sostenibile dei pesticidi.

allegato



Ultimo aggiornamento Venerdì 07 Settembre 2012 16:27
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 5 di 69