CIA: SOSTEGNO A SINDACI MELANDRO CONTRO RICERCA PETROLIFERA “LA CERASA” PDF Stampa E-mail
Scritto da carbone   
Lunedì 23 Gennaio 2017 15:04

Lunedì, 23 gennaio 2017

La Cia-Confederazione Italiana Agricoltori dell’area Potentino-Melandro condivide e sostiene la posizione dei Sindaci di Brienza, Marsico Nuovo, Sasso di Castalda, Satriano di Lucania e Tito nettamente contrari al permesso di ricerca petrolifera denominato “La Cerasa” sottolineando che in questa come nelle altre aree rurali della provincia interessate da programmi di ricerca di idrocarburi “lo sviluppo non può prescindere dall’agricoltura, dal paesaggio rurale, dall’agriturismo e dalle produzioni alimentari di qualità”.
Nel ricordare che “tutte le Amministrazioni Comunali del Melandro-Marmo hanno sottoscritto la “Carta di Matera” proposta dalla Cia per dare stabilità ad un positivo rapporto fra Amministrazioni locali ed agricoltori valorizzando le funzioni, le peculiarità e le opportunità di servizio che questi offrono e per tutelare le nostre aziende”, la Cia evidenzia che “l’agricoltura e le sue diversità, che così diffusamente nel nostro Paese caratterizzano prodotti e sistemi produttivi, territori e paesaggio agrario, va tutelata con azioni e politiche appropriate, va pienamente inserita nel contesto dello sviluppo del Paese. Gli agricoltori sono i protagonisti dell’agricoltura. Con la loro organizzazione aziendale e sociale danno vita al territorio rurale rendendolo unico. Molte le opportunità che si offrono e importanti le occasioni da cogliere. Per questa ragione – aggiunge la nota – intendiamo rafforzare i rapporti con i Comuni, stipulare accordi, definire indirizzi di lavoro, concordare programmi di attività, lavorare insieme per l’attuazione di politiche sul territorio a favore di tutta la collettività. A questo compito sono chiamati solidalmente agricoltori e Amministrazioni locali, perché ciascuno nel proprio ambito può contribuire allo sviluppo e al benessere del Paese”. Per la Cia “oltre alle trivelle il nemico da contrastare è l’uso dissennato e confuso del suolo agrario. Occorre preservare l’agricoltura, il peculiare ed inconfondibile paesaggio agrario, oggi più che mai identificabile con il bene ambientale di tutto il Paese. L’erosione della superficie agricola utilizzata è costante ed irreversibile e non può non suscitare allarme e preoccupazione. Si tratta di dare dimensione stabile, condivisa ed universale ad una gestione programmata del territorio compatibile con le esigenze delle aziende agricole anche per quanto riguarda gli investimenti per le energie rinnovabili. In particolare, per la Confederazione le attività di produzione di energia elettrica da biomasse agricole e forestali dovrebbero essere meglio incentivate e i sostegni previsti sapientemente governati, attraverso la definizione del Piano regionale di agroenergia secondo la semplice proposta da attuare di un mini-impianto solare e/o di un mini-impianto eolico in ogni azienda. Si tratta inoltre di cogliere l’opportunità che viene dalle novità positive per la produzione di energia idroelettrica e dalle nuove tecnologie che consentono investimenti ridotti. Anche piccoli impianti a biomasse legnose e gassose e di geotermia sono facilmente realizzabili nelle aree rurali e al servizio primario dell’approvvigionamento energetico delle imprese agricole-zootecniche”.Per la Cia  lavorare a una filiera energetica "green" tutta italiana favorirebbe l'occupazione, in particolare quella giovanile. Tutti dati condivisibili e obiettivi probabilmente raggiungibili, ma se si superano le criticità che la Cia del resto non nasconde: prima di tutto è necessario che i contributi alle energie sostenibili accompagnino la transizione dalle fonti fossili a quelle rinnovabili, con interventi che premino l'innovazione e l'efficienza a discapito delle speculazioni. Gli obiettivi, però, non devono essere solo quantitativi ma anche qualitativi: bisogna avere le idee chiare sui modelli aziendali che vogliamo sostenere tramite il sistema delle tariffe incentivanti.Per noi è necessario sfatare un luogo comune, inutile e sbagliato, sul dualismo tra cibo ed energia che tradotto vuol dire petrolio contro agricoltura. Si tratta di produrre cibo ed energia in modo sostenibile, come occasione di sviluppo per le imprese agricole e per l'intera società”.

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Gennaio 2017 15:07